Domande frequenti

La tecnologia Outlast® è una tecnologia unica nel suo genere che regola attivamente la temperatura nonché l’unico materiale a cambiamento di fase (PCM) che ha ottenuto il marchio di Tecnologia Spaziale Certificata (Certified Space Technology™). I tessuti, le fibre e i rivestimenti Outlast® sono dei componenti che si possono ritrovare in molti prodotti di uso quotidiano o di attrezzature ad alta tecnologia.



La tecnologia Outlast® lavora in modo proattivo e utilizza i materiali a cambiamento di fase (PCM) al fine di assorbire il calore corporeo in eccesso e rilasciarlo quando è necessario. Il ghiaccio è un ottimo esempio di materiale a cambiamento di fase: quando il ghiaccio si scioglie in una bevanda, assorbe calore e raffredda la bevanda. I materiali a cambiamento di fase, utilizzati dalla tecnologia Outlast®, lavorano tutti nello stesso modo.



La tecnologia Outlast® lavora in modo attivo e varia a seconda della situazione personale. Assorbe il calore corporeo quando è troppo elevato e lo rilascia quando si comincia ad avere freddo. La tecnologia Outlast® è dunque capace di equilibrare la temperatura regolando il calore e l'umidità, riducendo altresì il surriscaldamento (produzione di sudore) e la sensazione di freddo.



Se la tecnologia Outlast è presente all'interno di una fibra, ne costituisce parte integrante per tutta la durata della vita del prodotto. I nostri prodotti rivestiti dimostrano una durata altrettanto eccellente - sia per quanto concerne il lavaggio in lavatrice che a secco. Inoltre, sottoponiamo tutti i nostri prodotti a dei test conformi agli standard industriali di resistenza al lavaggio.



Ciascun tessuto e ciascuna fibra hanno le proprie caratteristiche. Si prega di attenersi alle istruzioni per la pulizia dei prodotti con tecnologia Outlast®. Queste si basano sulle raccomandazioni del produttore corrispondente e sono riportate sulle apposite etichette.



Nel caso delle fibre, la tecnologia Outlast® viene incorporata direttamente nel filo con cui viene elaborato il tessuto. Inoltre, la tecnologia Outlast può essere applicata direttamente sui materiali – sia mediante un trattamento a immersione che stampata su un rullo. Potrete trovare ulteriori informazioni in merito nella "Descrizione generale del processo".



Questo differisce da prodotto a prodotto, ma i materiali con tecnologia Outlast® (tessuti rivestiti e fibre) registrano la massima efficacia quando sono portati quanto più vicino possibile alla pelle. Nelle scarpe o nei capi di vestiario, la tecnologia Outlast® viene introdotta come fodera o come controfodera.



Basta cercare il logo di Outlast® sulle etichette dei prodotti. Tutti i prodotti contenenti la tecnologia Outlast devono superare dei rigorosi controlli per poter recare l'etichetta di Outlast®.



La tecnologia Outlast lavoro in modo proattivo e non reattivo. Molti prodotti promettono di poter regolare la temperatura, ma in realtà lavorano unicamente sul sudore già prodotto dalla pelle. Nel momento in cui entrano in funzione, il comfort è già molto diminuito a causa della sudorazione. I materiali Outlast® a cambiamento di fase assorbono il calore in modo proattivo e lo immagazzinano, in modo da controllare e ridurre attivamente l'umidità.



Sì. Il marchio Certified Space Technology™ rilasciato dalla U.S. Space Foundation (Fondazione Spaziale americana) lo conferma. In origine, la tecnologia Outlast® era stata sviluppata per la NASA ed applicata nei guanti e in altri capi di vestiario degli astronauti, al fine di bilanciare le variazioni di temperatura nello spazio così come ad alta quota. Outlast è stata molto di recente nello spazio, quando l'astronauta giapponese Naolo Yamazuki ha indossato un pullover con tecnologia Outlast®.



La sede principale dell'azienda si trova a Golden, Colorado/USA; l'azienda possiede delle succursali anche in Europa (Heidenheim/Germania) e in Asia (Hong Kong).